I criteri SEO 2022 da conoscere
Agenzia web » Notizie digitali » I criteri SEO 2022 da conoscere

I criteri SEO 2022 da conoscere

Le pratiche di SEO sono in continua evoluzione. Per essere ben posizionati nelle SERP di Google, è essenziale monitorare da vicino gli aggiornamenti dell'algoritmo di Google e le ultime tendenze. Ecco le novità da seguire in ambito SEO per rimanere sempre informati.

Ottimizza e arricchisci i suoi contenuti

I contenuti pertinenti e di qualità sono sempre stati molto apprezzati e persino richiesti da Google e questo saranno ancora rilevanti nel 2021. I tuoi contenuti devono evidenziare la tua esperienza e rispondere perfettamente alle richieste degli utenti di Internet. Per i motori di ricerca, ci sono regole da seguire:

  • Ogni pagina deve avere un tag "titolo" univoco
  • Devi strutturare i tuoi contenuti con i sottotitoli (h2, h3, h4, ecc.)
  • Devi inserire link interni ed esterni
  • I post del blog dovrebbero contenere almeno 800 parole, se possibile

Il contenuto non deve solo soddisfare le specifiche richieste dai motori di ricerca, ma anche essere ricco per attirare i visitatori a generare traffico sul sito Web e ottenere un tasso di conversione migliore.

Snippet in primo piano: una caratteristica a cui prestare attenzione

I contenuti arricchiti corrispondono al riquadro che compare in cima alle SERP di Google, è la posizione 0. Spesso composto da un testo e un'immagine provenienti da un risultato di un sito che risponde alla query richiesta.

Questo risultato è rappresentato da un paragrafo, da un elenco puntato o da una tabella. Bisogna quindi privilegiare queste forme di contenuto e scommettere sulla coda lunga per potersi mettere in testa in un contenuto arricchito. Inoltre, questi risultati di ricerca evidenziati rispondono principalmente alle domande poste dagli utenti di Internet. Pertanto, dobbiamo cercare di formulare i tag del titolo sotto forma di domanda per avere maggiori possibilità di apparire lì.

Scegli un sito di design reattivo con un tempo di caricamento rapido

Google dà sempre più importanza ai siti mobile friendly. In definitiva, c'è il rischio di non apparire più nei risultati di ricerca se il sito non risponde. Questo è importante per garantire la visibilità di un sito quanto per la UX.

Google funziona in termini di URL, tutte le pagine del sito devono essere a norma. Puoi verificarlo con lo strumento di test di ottimizzazione mobile di Google, la pagina deve soddisfare le condizioni della scansione mobile-first.

Un sito compatibile con i dispositivi mobili risponde essenzialmente a questi tre concetti:

  • Un design responsive: un sito pensato principalmente per la versione mobile, e migliorarlo gradualmente adattandolo alle dimensioni dello schermo. Gli smartphone caricheranno così i file di cui hanno bisogno.
  • Tempo di caricamento: opta per un buon server fisico, evita di sovraccaricare le pagine con estensioni e widget, riduci le richieste HTTP, usa un numero ridotto di codice CSS ed elimina i file non utilizzati.
  • TTFB (Time To First Byte): è il tempo necessario per caricare i primi dati, ovvero il contenuto HTML. Corrisponde al tempo che intercorre tra una richiesta e la risposta. Più questo ritardo è ottimizzato, più i robot di Google saranno in grado di eseguire la scansione e l'indicizzazione delle tue pagine. Puoi testare questo indice con lo strumento gratuito GtMetrix nella scheda Tempi.

SXO al centro di una strategia SEO

Per preparare adeguatamente la tua strategia SEO per il 2022, è essenziale offrire ai tuoi visitatori un'esperienza gratificante sul tuo sito web. I contenuti pertinenti e di qualità non sono più sufficienti per posizionarsi bene nelle pagine dei risultati di ricerca. I professionisti del settore fanno riferimento a questo metodo di SXO per “Search eXperience Optimization”, una combinazione di SEO e UX.

La creazione di un sito Web progettato per gli utenti e non per gli algoritmi dei motori di ricerca richiede un pensiero diverso. Contenuti interattivi che rispondono alle problematiche dei visitatori, fornendo valore aggiunto e garantendo stabilità visiva. Si raccomanda, invece, di mantenere la fluidità di navigazione tra le pagine e un caricamento veloce per non perdere l'attenzione degli internauti e per trattenerli il più possibile sul sito.

WebP: il nuovo formato di Google

Le animazioni .gif sono accattivanti, ma sfortunatamente questo formato sarà un ricordo del passato! WebP, il nuovo formato di Google che sovrascriverà JPG, PNG, TIFF e GIF. Spesso più leggero di un'immagine JPG compressa, questo formato rivoluzionerà il mondo del design pur mantenendo un'alta definizione dell'immagine. Pensi che Google darà al tuo sito una valutazione più alta se contiene immagini WebP?

Le prestazioni di un sito Web in termini di SEO e tempo di caricamento saranno significativamente migliori convertendo le tue immagini in WebP. Un caso di studio pubblicato da Anthedesign ha dimostrato che la velocità di caricamento è compresa tra 1 e 2.5 secondi con un tempo di interattività di 1.9 secondi.

Tieniti aggiornato con le nuove versioni di OSE per garantire un buon posizionamento per il tuo sito web. Chiama il nostro agenzia web.

★ ★ ★ ★ ★